Evento accreditato MIUR

Docente: Dott.ssa Stefania Lanaro

Iscrizioni entro il 27-02-19

Ciclo di incontri di psicomotricità.

OBIETTIVI E CONTENUTI

Sempre più parliamo di corpo e sempre più pensiamo che il corpo sia quello che copriamo, agghindiamo, vestiamo, un corpo oggetto da mostrare nella sua uguaglianza con gli altri. “La postmodernità chiama intelligenza la capacità di disintegrarsi quanto basta per potersi conformare all’esoscheletro di un’impresa” (Benasayag).

Ma il corpo dell’essere al mondo è altro, è comunicazione, è riuscire a stare e ad essere senza il predominio dell’apparire.

E’ il corpo che non diventa ostaggio della sofferenza ma teatro in cui si può rappresentare e simbolicamente attraversare il proprio dolore.

Incontrare il corpo è sperimentare, ascoltare, affrontare il proprio linguaggio profondo, sperimentare il proprio corpo per conoscere il proprio modo di essere.

L’approccio psicomotorio è la cornice di questi incontri dove il gruppo, la relazione, gli spazi, gli oggetti e i tempi della psicomotricità incontrano il corpo adulto, per approfondire, conoscere, il proprio modo di affrontarsi e affrontare l’essere in un mondo.

L’incontro con il corpo può diventare la messa in scena del proprio equilibrio-disequilibrato, dello spazio-tempo personale da giocare nel gruppo, la ricerca e la scoperta di un limite essenziale alla vita.

METODOLOGIA DI LAVORO

Il lavoro è svolto in piccolo gruppo, costituito da non più di 20 persone.
Il contesto in cui si svolgono gli incontri è quello della relazione e della comunicazione corporea e verbale, è un luogo in cui rendere possibile l’espressione dei propri bisogni e desideri nell’assenza di giudizio sui propri risultati e sui propri vissuti. Il gruppo può contare sulla presenza dello psicomotricista che accompagna, tiene per mano, affianca, non si sostituisce, non offre soluzioni, supporta la persona, permette il suo desiderio e favorisce attraverso il dispositivo il suo percorso verso l’autonomia e il rispetto di sé e dell’altro.
La composizione del gruppo rimane costante per tutta la durata degli incontri previsti.

Dott.ssa STEFANIA LANARO, psicologa, psicomotricista, fisioterapista, lavora da molti anni presso l’ASL di Savona e tiene gruppi con adolescenti e con pazienti psichiatrici. Autrice del libro: “Lavorare il corpo, sul corpo, con il corpo. Un incontro tra psicomotricità e disturbo alimentare.” in corso di pubblicazione presso le Edizioni Scientifiche di Bologna.


A CHI È RIVOLTO
Il percorso è rivolto a tutti coloro che hanno il desiderio di incontrare il proprio corpo in una cornice psicomotoria, di conoscere, ampliare, sperimentare e collaudare vecchi e nuovi linguaggi ed equilibri in un luogo connotato dal rispetto per l’individualità e l’unicità di ciascuno.


NOTE ORGANIZZATIVE
Il percorso di Psicomotricità è strutturato in cicli, ognuno dei quali comprende 10 incontri a cadenza mensile della durata di quattro ore ciascuno.
Gli incontri si svolgono presso la sede dell’Istituto IFRA a Bologna in Via Irnerio 43/b nella giornata del sabato mattina dalle 9,30 alle 13,30 secondo il seguente calendario: 09/03, 06/04, 04/05, 15/06, 06/07, 14/09, 05/10,  09/11, 07/12/2019, ultima da definire.


MODALITÀ DI ISCRIZIONE
La domanda di iscrizione deve pervenire compilata e firmata alla segreteria dell’Istituto IFRA (fax, e-mail o posta) entro e non oltre il 27 febbraio 2019 insieme a copia della ricevuta di versamento della quota di iscrizione.
La quota di iscrizione per l’intero ciclo (10 incontri) è di 488,00 € (400 € + IVA 22%) e può essere versata in un’unica soluzione o in due ratei di 244,00 €.
Il versamento della quota di iscrizione va effettuato con bonifico bancario sul c/c n.56758941 presso CREDIT AGRICOLE CARIPARMA filiale di Bologna IBAN IT71D0623002400000056758941.
L’Istituto I.F.R.A. non accetta pagamenti in contanti.
Il numero dei partecipanti è limitato.
Per informazioni ed iscrizioni la segreteria dell’Istituto è aperta dal martedì al venerdì dalle ore 9,30 alle 13,00 in via Irnerio n.43/B a Bologna, tel. fax 051.232413, e-mail: info@ifra.it, www.ifra.it

https://bit.ly/2t6k1N0